Ricerca scientifica

Perché vale la pena esplorare l’oceano

Luna o Terra

Secondo le stime, solo il 5 % delle profondità marine è stato esplorato. Disponiamo solo di mappe molto imprecise dei circa 300 milioni di km2 di fondali oceanici. Siamo stati sulla Luna. Perché sappiamo così poco del nostro pianeta?

Circa il 70 % della superficie terrestre è coperta dall’acqua, il 70 % dell’ossigeno viene prodotto dalle piante in acqua e il 70 % della popolazione mondiale vive nelle regioni costiere. Il mare, quindi, non solo è uno degli ecosistemi più importanti del pianeta, ma svolge anche un ruolo decisivo nella vita di molte persone. Sembra quindi del tutto assurdo che si sappia meno sull’oceano, il «polmone blu» del nostro pianeta, di quanto si sappia sulla luna.

Mare profondo o foresta pluviale

Nel XIX secolo si ipotizzava addirittura che il mare profondo fosse completamente inanimato, perché al di sopra di una certa profondità non era più possibile individuare gli animali con i metodi precedenti. Oggi sappiamo che le profondità marine sono caratterizzate da un’incredibile diversità di specie che possono facilmente tenere il passo con le foreste pluviali.

Scrigno di tesori o discarica

Problemi attuali come la pesca eccessiva, il littering e il cambiamento climatico dovrebbero essere un motivo sufficiente per spingere la ricerca marina. Ma non va dimenticato un motivo molto importante: L’oceano è un tesoro e trabocca di risorse naturali.

Profonda o più profonda

La Fossa delle Marianne, nell’Oceano Pacifico occidentale, è il punto più profondo della Terra. Si trova a 11 km sotto il livello del mare ed è lungo circa 2400 km.